25/08/13

Marmellata di pesche agrumata


Buongiorno gente! Non so come sia da voi ma qui in Veneto le temperature continuano a scendere. L'estate sta finendo, inesorabilmente, nonostante le giornate siano ancora splendide. Ecco perchè ho deciso di fare una bella marmellata, che raccolga i sapori ed i profumi di questa stagione. Se mi conoscete, però, sapete che non mi piacciono le cose troppo banali e scontate: potrei mai io fare una marmellatina di sole pesche, liscia ed omogenea come quella che si compra al discount? Ma figuriamoci! Ecco perchè ho aggiunto profumi ed aromi, ecco perchè ho lasciato qualche pezzo di frutta più grosso, ecco perchè la mia marmellata è diversa... è profumata... è intensa... è rustica... è buonissima!


Ingredienti:

- 800 gr di pesche noci
- 200 gr di mele rosse
- 350 gr di zucchero
- un limone
- un mazzettino di menta
- una bustina di Fruttapec 3:1


Procedimento:

Per prima cosa, seguendo le istruzioni del Fruttapec e quello che vi avevo scritto nella piccola guida per realizzare conserve e marmellate, vanno sterilizzati i vasetti ed i coperchi. Mentre avviene la sterilizzazione (che sia sul fuoco, o in microonde), lavate e tagliate finemente pesche e mele. I pesi della frutta, notate bene, si riferiscono a quello finale (noccioli e torsoli esclusi, per capirsi).

Lavate e sminuzzate al coltello anche la menta, e grattate la buccia di limone. Pesate in una terrina lo zucchero, ed amalgamatevi una bustina di Fruttapec.

Quando la sterilizzazione sarà compiuta mettete i vasetti a sgocciolare. Nell'intanto riponete frutta e zucchero in una pentola capiente, e portate a bollore forte. Quando la frutta starà bollendo, inserite anche il limone e la menta.

Tempo 3 minuti e la marmellata sarà pronta. Versate tutto nei vasetti, chiudete e girate i vasetti per almeno 5 minuti per creare il vuoto.


Consigli:

I vasetti così creati si conservano per 6 mesi in un luogo fresco ed al riparo dalla luce. Cambiando tipo di Fruttapec (ci sono anche le versioni 1:1 e 2:1) la marmellata durerà il doppio ma dovrete aggiungere più zucchero.

La marmellata potrà essere mangiata il giorno dopo la preparazione, e da allora potrete semplicemente stenderla su una fetta di pane o usarla per mille deliziose ricette!

Con la ricetta che vi ho dato ho ricavato 4 vasetti come quelli che vedete in queste foto.

9 commenti:

  1. Ahhh marmellata deliziosa, io volere :P
    andreadz

    RispondiElimina
  2. buona!!! quest'anno l'ha fatta mio suocero in quantità industriali....

    RispondiElimina
  3. Anche in Sicilia le temperature scendono! Tu ti prepari alla grande per l'inverno con questa buonissima marmellata.
    P.s.: Grazie mille per essere passata da me, mi sono unita anche io ai tuoi lettori con molto piacere!

    RispondiElimina
  4. Marmellate vuol dire dolci di qualsiasi genere.
    Buonissima la tua agrumata.
    Ciao.
    Inco

    RispondiElimina
  5. Bellissimo il blog, simpaticissimo il gufo, meravigliosa la marmellata!!!

    Complimenti!

    Se vuoi venire a trovarmi, mi trovi su
    www.paneperituoidenti.it...

    Ciao!

    Valeria

    RispondiElimina
  6. decisamente ottima!hai racchiuso i sapori dell'estate

    RispondiElimina
  7. Pesche e agrumi...non ho mai pensato a questo abbinamento...ma in questo post se riuscita a renderlo molto intrigante...da provare assolutamente!
    Annette

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti assicuro che è ottimo come abbinamento, la buccia di limone regala un profumo ed un retrogusto eccellente...

      Elimina
  8. molto interessante!!! adoro le conserve e questa è deliziosa!!!

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...