08/11/14

Crostini al fegato di razza

Una delle cose più belle dell'avere un blog di cucina, è la continua sfida a sperimentare, a migliorarsi, a provare nuovi ingredienti. Come mi è successo con il fegato di razza.

Toglietemi una curiosità, voi sapevate che il fegato di razza è una lecornia? Lo avete mai preparato in un qualche modo? O anche voi, come me, d'istinto lo avreste regalato al gatto o alla pattumiera? Mi ha fatto venire il dubbio il mio compagno, e tanto per non sbagliare ho controllato in rete scoprendo così il mio errore! Ho trovato pochi ma significativi consigli su come prepararlo, qualche ricetta mancante di tutti i dettagli interessanti e praticamente nessun commento su quale fosse il suo gusto. Complici i gatti che s'erano già rimpinzati con ben altro, ho provato a fare a modo mio (al solito) e ne sono saltati fuori questi crostini.

Posso confermarvelo: se buttate il fegato di razza, non avete idea di quello che vi perdete!

Fegato razza



Ingredienti:

- pane spesso e compatto (io, quello della macchina del pane)
- una noce di burro
- 4 fegati di razza
- due rametti di timo
- sale


Procedimento:

Pulite i fegati di razza eliminando la cistifellea, quel sacchetino appeso al fegato, senza romperla. Immergete quindi i fegati in una terrinetta di acqua tiepida, lasciandoli a bagno un'oretta. Non preoccupatevi se nell'intanto l'acqua si raffredda.

Trascorso questo tempo scaldate il burro in una padella non troppo capiente, assieme al timo ben sminuzzato. Quando il burro avrà preso temperatura cuocetevi i fegati di razza, interi, fino a che non inizierrano a rompersi formando una crema scura.

Cospargete con i fegati di razza così cotti delle fette di pane, tagliate spesse e fatte dorare in forno. Servite subito.


Consigli:

Questa ricetta è la rivisitazione in chiave semplificata di quanto riportato nel libro "il tesoretto della cucina italiana". Mi fa molto piacere potervi citare questo libro, che raccoglie 1.500 ricette della tradizione italiana, scritto da Giuseppe Oberosler.

28 commenti:

  1. questa ricetta è davvero particolare nella sua apparente semplicità....mi piace

    blablablalovinglanguages.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da fare è effettivamente semplice come sembra, la parte forse più complessa è avere a disposizione il fegato di razza! Non è una cosa che compri normalmente al supermercato ;)

      Elimina
  2. L'aspetto è veramente molto invitante!!
    Ti confesso che anche io ignoravo fosse una prelibatezza... No si finisce mai di imparare!
    Un abbraccio e grazie per le belle parole che mi dedichi sempre ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo blog consente a me per prima di migliorare, mi spinge a cercare nuove cose da proporre a voi...

      Elimina
  3. deve essere un bellissimo libro così come buonissima è la tua ricetta! ti auguro una buon domenica simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Arrivo in ritardo, posso solo augurarti buon martedì, ma grazie :)

      Elimina
  4. Le ali di razza le ho viste ultimamente per la prima volta in una pescheria a Trieste ma il fegato penso proprio di no.
    Ma se sarà io conservo intanto la tua ricetta, Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Dovresti trovare le razze intere, ed a quel punto dividere le ali dal resto del corpo e ricavare il fegato. In pecheria dovrebbero saperti mostrare senza problemi, con l'animale davanti, come fare. Buona giornata!

      Elimina
  5. incredibile....sono senza parole...una genialata pazzesca!!!! te la copio subito!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un colpo di fondoschiena fenomenale, visto che ci sono incappata per caso... felice di condividere! :D

      Elimina
  6. Eccomi, rientro tra le ignoranti in materia...e nonostante sia una buona forchetta, ergo mangio tutto tutto tutto...sono un po' restìà alla parola "fegato"!!! Non l'ho mai assaggiato e magari sarà pure buono, ma ho un blocco psicologico...Dovrei mangiare senza sapere ahahaha
    IMPOSSIBILE FERMARE I BATTITI //PAGINA FB //HAPPY DAY-INTERNATIONAL GIVEAWAY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io di questo crostino ne ho assaggiato giusto un pezzetto, per curiosità. Ma non mi piace il fegato, ed il giudizio sul piatto l'ho lasciato fare al mio compagno che invece lo adora.
      Il mio, più che blocco psicologico è proprio di gusti. Ma capisco, mi capita con diverse altre interiora. Pura e semplice umanità! ;)

      Elimina
  7. Ciao Monica sei sempre molto originale nelle tue ricette e ignoravo completamente che il fegato di razza fosse commestibile....imparo sempre qualcosa di nuovo leggendo le tue gustosissime ricette...buona giornata...kiss!
    Serena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, il tuo complimento mi fa particolarmente piacere! E' un onore!

      Elimina
  8. No...decisamente il fegato di razza non l'ho mai mangiato e non avevo idea che fosse così buono!!! Forse perchè neanche io ho mai frequentato un minimo corso di cucina...ma ne sei testimonianza te che le cose si imparano lo stesso !!!! Grazie della ricetta per me davvero insolita e per il libro citato che andròò a guardare!!! Buona giornata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non ci si aiuta tra di noi poverette senza corsi di cucina alle spalle... :) Se stai ad ascoltare il grosso degli chef, ti propinano sempre le solite 4 robe..

      Elimina
  9. Sembra semplice ma molto originale questa ricetta!!!
    Tuttavia al fegato io dico no.....
    Love, Paola.
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
  10. Buon giorno Monica. Non ho mai mangiato nemmeno la razza, ma credo che i cani ringrazierebbero molto per il fegato... non credo che ce la farei mai XD

    RispondiElimina
  11. Per altro, scusami, ma la razza non è specie protetta?! Occhio alla provenienza, non vorrei che provenissero da pesca di frodo.... (deformazione professionale, che vuoi farci)

    La Natura che ci circonda - blog su animali selvatici ed ambiente
    naturachecicirconda.blogspot.it

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara non sono informata un decimo di quanto lo sei tu, grazie per avermi fatto venire il dubbio! Ma sono andata a controllare su Internet, e non ho trovato nulla... tra l'altro l'ho vista venduta spesso, nei banchi del pesce del mercato e non in qualche piccola pescheria fuori mano... non credo possa essere di frodo, ammetto.. ma la prossima volta che vado a quel banco, vedrò di chiedere con precisione!

      Elimina
    2. Ok, intanto io mi informerò meglio :) magari c'è semplicemente qualche restrizione e non si può pescare in determinati periodi, come il riccio di mare. Comunque chiedere non fa mai male ^_^
      Nel frattempo buon appetito! ;)

      Elimina
    3. Credo sia possibile :)

      Elimina
  12. Anch'io non ho mai frequentato corsi, ne tantomeno avevo mai sentito parlare del fegato di razza... io li avrei assaggiati volentieri questi crostini semplice e molto particolari!!! complimenti per averla provata...
    Flora

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Noto con piacere che non sono l'unica ad avere un blog di cucina senza aver frequentato corsi.. a sentir in giro, sembra ormai siano indispensabili ed invece.. E' sempre un piacere leggere delle tue creazioni!

      Elimina
  13. Una ricetta davvero insolita che però ha l'aria di essere particolarmente buona nonché semplicissima da preparare.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto, il bello di queste piccole scoperte è questo: è qualcosa di facilissimo ed al contempo insolito e ricercato!

      Elimina
  14. Passo per un saluto veloce, è sempre un piacere leggerti
    Buon weekend bellezza!

    Da me c'è un nuovo outfit, ti aspetto!
    BABYWHATSUP.COM

    RispondiElimina
  15. No.. non ne avevo proprio idea! o.O

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...