16/11/14

Torta fredda di savoiardi

Io, veneta pura razza, trevigiana per nascita e per mentalità, era da un pezzo che volevo fare qualcosa con i savoiardi. Non il classico tiramisù, tanto noto in tutto il mondo e nato proprio nella mia terra, però. Cercavo qualcosa di goloso, cremoso, con un tocco alcolico, la classica torta che a vederla non sai cosa aspettarti, che hai la certezza che sia buona ma non ti è ancora chiaro che gusti avrà.
Ci ho meditato sopra parecchio, le combinazioni possibili erano infinite. Ho cercato i sapori, i profumi, i contrasti che più mi piacciono. Ho cercato di realizzare il classico dolce che ti concedi in inverno, con la stufa accesa ed il caffè caldo in tavola, tra amici e parenti. Ho cercato quel tocco di freschezza che anche in inverno piace, quell'idea che mi piace dare nella mia casa di continuità tra le stagioni.

Mi sono rilassata molto a preparare questo dolce, come non accadeva da tempo. Non ci si mette molto, ma il procedimento delle creme, dell'inzuppo, degli strati, porta per forza di cose a concentrarsi evitando le interruzioni. Mi piace cucinare così, con calma e delicatezza, annusando gli ingredienti prima di usarli senza una ricetta precisa, e vedere il viso compiaciuto e curioso di chi osserva il risultato finale.


Ingredienti (tortiera di diametro 22 cm):

Per la crema pasticcera al cioccolato

- 3 tuorli
- 100 gr di zucchero
- 40 gr di fecola di patate
- 400 ml di latte
- 70 gr di cioccolato fondente

Per la crema di ricotta

- 200 gr di ricotta
- 100 gr di mascarpone
- 50 gr di pistacchi tostati
- 20 gr di zucchero a velo

Per la struttura della torta

- 200 gr di savoiardi
- 150 ml di acqua
- una dose e mezza di liquore al cacao (io "crema cacao" della Buton)
- 50 gr di zucchero


Procedimento:

Gli ingredienti sono tanti, ma non c'è nulla di difficile. Partiamo dalla pasticcera al cioccolato, che avrà bisogno di raffreddare. Sbattete i tuorli con lo zucchero, fino a far sbiancare e montare il composto (in tutto 4-5 minuti). Aggiungete quindi la facola setacciata senza formare grumi e, lentamente sempre mescolando, il latte. Unite infine il cioccolato spezzettato grossolanamente.

Ponete sul fuoco, a fiamma moderata, sempre mescolando. Quando il cioccolato inizierà a sciogliersi, la crema avrà raggiunto la temperatura ottimale. Abbassate al minimo la fiamma e senza mai smettere di mescolare fate addensare. Dovrete ottenere una consistenza molto soda, simile a quella di un tenero budino.

Togliete dal fuoco, cambiate recipiente per evitare che continui a cuocere e fate raffreddare.

Nell'intanto spezzetate grossolanamente i pistacchi. Montate la ricotta con il mascarpone, eventualmente aiutandovi con le fruste elettriche, fino ad ottenere una soffice spuma. Aggiungete quindi pistacchi e zucchero. 

Ad ultimo, va preparata la struttura in savoiardi della torta. Per prima cosa è bene contare quanti savoiardi sono necessari per coprire il bordo della tortiera, tagliandoli della giusta altezza con la parte arrotondata verso l'alto. I savoiardi vanno poi immersi per non più di 4 o 5 secondi in una miscela di acqua, zucchero ben sciolto e liquore come indicato tra gli ingredienti. Dopo averli bagnati, disponete subito i biscotti al loro posto in quanto diventano velocemente non lavorabili. 

Solo a bordo completato dedicatevi alla base, con lo stesso procedimento, avendo cura di chiudere ogni minimo foro. Può essere utile sbriciolare alcuni savoiardi direttamente nella tortiera, come ultima accortezza dopo aver disposto anche sulla base quelli interi, e passare con un pennello carico di bagna per omogeneizzare.

Farcite la torta così ottenuta prima con la crema di ricotta, ed in ultimo con la pasticcera al cioccolato. Usate una sac-à-poche, o depositate le creme a ciuffetti con un cucchiaio per livellare solo alla fine, evitando così di esercitare troppa pressione sulla base in biscotto.

Fate riposare 3-4 ore in frigo, e togliete solo appena prima di servire.


Consigli:

I pistacchi, salati, creano un contrasto piacevole con la dolcezza della torta. La ricotta pulisce la bocca, così da non sentire la torta troppo pesante. L'uso di un liquore al cacao come in questo caso, o per lo meno neutro, evita che si introduca un altro gusto complicando un insieme già di per se formato da parecchi aromi.
Sconsiglio vivamente di aggiungere altro, semmai modificate le creme ma evitate di apportare un numero maggiore di sapori. Se avete anche bambini a tavola, infine, chiaramente evitate del tutto l'uso di liquori. Vi avviso però che non sarà altrettanto buona.

17 commenti:

  1. Diversa, ma molto deliziosa questa torta fredda, bravissima!!!!!!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Ho voluto appositamente farla diversa dal solito, mi piace variare ;)

      Elimina
  2. Monica la trovo buonissima grazie per questa ricetta!proverò a farla!buona serata simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, e buona giornata!

      Elimina
  3. E' bellissimo cucinare con calma e serenità, poi godersi questo dolce delizioso con il calore della stufa e degli amici.. è veramente il massimo :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' così difficile star dietro a tutto, che quando arriva il momento della cena mi piace che si trasformi in qualcosa in grado di compensare tutto lo stress accumulato...

      Elimina
  4. Deve essere buonissima questa torta, voglio provare a farla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Fammi sapere come ti vien fuori, ma non ho dubbi! Tra l'altro come vedi è piuttosto semplice!

      Elimina
  5. Molto invitante, sia d'aspetto che di sapori! Devo assolutamente provarla :) Complimenti!

    RispondiElimina
  6. Che deliziosa torta... essendo golosa di cioccolato, non posso resistere...

    RispondiElimina
  7. ottima idea, veloce e gustosa!!! bravissima!!!!

    RispondiElimina
  8. Passo per un saluto veloce, adoro leggerti!
    buon weekend dolcezza!

    BABYWHATSUP.COM

    Mancano 2 giorni alla fine del mio giveaway, in bocca al lupo!

    RispondiElimina
  9. Mi piacciono tanto le torte fredde! è molto nutriente :) Complimenti Monica per la ricetta!

    RispondiElimina
  10. buonooooooo ;) xoxo, Rebecca.
    * Fammi sapere cosa ne pensi del mio nuovo post: http://www.toprebel.com/2014/11/sunny-day.html

    RispondiElimina
  11. il savoiardo lo vedo bello zupposo, buono buono buono!

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...