06/09/15

Tacchino all'uva nera

E' tardi, è domenica ed è tardi. Ho passato la giornata a pulire la casa, mi sono concessa giusto mezz'ora per una passeggiata nel pomeriggio, e sono stanca. Domani si ricomincia e dubito di riuscire ad arrivare a venerdì ancora tutta intera, ma per il momento preferisco non pensarci.
E' piacevole, finalmente, potermi dedicare a questo blog. Ho come sottofondo la lavastoviglie, che da brava mi toglie l'incombenza del lavare i piatti, e fuori i gatti che mi osservano digitare veloce al computer. Chissà che pensano. Sperano probabilmente in una seconda razione di cibo, che non avranno... il cielo è sereno, non pioverà, è il caso che vadano a caccia se hanno ancora fame: sono più bravi di quel che si direbbe guardandoli poltrire tutto il giorno!

La ricetta che vi propongo oggi è un altro esperimento dell'accoppiata carne - frutta: dopo il maiale alle pesche (e salsa al basilico) della settimana scorsa, questa volta tocca al tacchino con l'uva. Altre ricette, in internet, oltre ad essere tremendamente complicate suggeriscono l'uva bianca. Il risultato finale si confonde con il bianco del piatto tanto è privo di colore, ed a me la cosa non piace. Ho usato quindi l'uva nera, quella del meridione, cotta dal sole del sud e piena di sapore. Provatela così questa ricetta una volta tanto, senza cambiare nulla, e sentirete che meraviglia.



Ingredienti:

- 900 gr di fesa di tacchino
- 4 cucchiai di olio di oliva
- mezzo bicchiere di marsala
- 4 foglie di alloro
- uno spicchio d'aglio 
- un bicchiere di brodo
- mezza cipolla
- 5 bacche di ginepro
- 30 acini di uva nera


Procedimento:

Qualche ora prima (quante, non è così importante) mettete a marinare il tacchino, in frigorifero, con due cucchiai di olio d'oliva, un cucchiaio di marsala e due foglie di alloro.

Al momento di cuocere la carne iniziate dal soffritto. Tagliate la cipolla a fette o pezzetti regolari, quindi fatela andare in padella con l'aglio e 2 cucchiai di olio a fiamma viva. 

Quando la cipolla sarà dorata aggiungetevi la carne. Ricordate di scolare bene il tacchino dalla sua marinatura, che getterete, togliendo anche l'alloro.

Scottate il tacchino su ogni lato, poi aggiungete il ginepro e le restanti due foglie di alloro. Sfumate con poco meno di mezzo bicchiere di marsala, e lasciate evaporare la parte alcolica per qualche secondo.

Proseguite quindi la cottura a fuoco basso, con il coperchio, aggiungendo a poco a poco il brodo per non far seccare la carne. Trascorsa una ventina di minuti, aggiungete anche l'uva. Non forate o tagliate gli acini, aggiungeteli interi.

Proseguite la cottura fino a quando, infilzando con uno spiedino in legno il tacchino, non vi sarà traccia di sangue. In tutto, una mezz'oretta circa sarà sufficiente.

Prima di tagliare le fette è meglio far intiepidire leggermente la carne. Servite sempre con abbondante salsa, e con qualche acino d'uva in ogni piatto.


Consigli:

Per evitare che la fesa perdesse forma in cottura io l'ho legata con dello spago da arrosti. Non serve nulla di artistico, toglierete comunque lo spago prima di servire, quindi assicuratevi solo che mantenga una forma "a salsicciotto".

Non preoccupatevi se l'uva dovesse perdere buona parte del suo colore: come vedete dalle mie foto, è perfetto così. Il risultato che dovete ottenere è esattamente una carne perfettamente cotta (prova dello stecchino!), una salsa densa e scura (alla faccia di chi usa l'uva bianca!) e degli acini d'uva morbidi ma ancora interi che vi navigano dentro.

Se la vostra salsa è troppo liquida, ma la carne è già pronta, togliete semplicemente la carne e fate restringere a fuoco vivo la salsa.

15 commenti:

  1. Dopo l'ottima ricetta precedente,sono curiosa di provare questa!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sempre gentilissima, fammi sapere come ti riesce anche se sulla ricetta non ho dubbi! :) E' da adorare...

      Elimina
  2. buono, originale e diverso!
    bella ricetta, come sempre:)
    buona settimana simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma grazie, gentilissima come sempre! <3

      Elimina
  3. Ottima ricetta Monica, anche io metto l'uva con la carne e il risultato è sempre eccellente. Un bacione a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'uva è ottima, se si evita di coprirne il sapore con troppe spezie! E lascia la bocca molto pulita!

      Elimina
  4. Credo che l'abbinamento tra la carne e la frutta sia perfetto. Forse bisogna sapere quale frutta abbinare a quale carne. un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quello è il grosso del problema infatti! Spesso gli abbinamenti più strani sono anche i migliori!

      Elimina
  5. Molto molto gustoso questo piatto, bravissima :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie grazie grazie!!! Bacioni!!!

      Elimina
  6. L'accoppiata carne frutta mi piace molto, questo poi è proprio il periodo dell'uva quindi è il momento giusto per provare a rifare la tua ricetta :) Un abbraccio
    My Tester Mania

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ho postata subito proprio per questo, perchè ora l'uva è deliziosa...

      Elimina
  7. Direi molto gustosa questa ricetta, Monica.Avevo già fatto il filetto di maiale con la frutta secca e il marsala e mi era piaciuto. penso che anche questa ricetta mi piacer à, grazie!
    buona serata
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho dubbi! Grazie, hai sempre una parola gentile per me!!! :)

      Elimina
  8. il gusto agrodolce..mi piace tantissimo...buonissimooo!!
    baci

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...