26/06/17

Cheesecake senza Philadelphia

Due cose sembrano obbligatorie per una cheesecake: il Philadelphia e la gelatina o colla di pesce che dir si voglia. Io non uso nessuna delle due. Il gusto del Philadelphia nei dolci non mi piace, e la gelatina dà una consistenza del tutto sbagliata (a differenza di quanto si crede, non serve usarla per ottenere una cheesecake compatta).
Le mini-cheesecake che vedete qui sono l'esempio più estivo possibile di questo dolce fresco e goloso, che si prepara senza accendere il forno! Hanno un paio di dettagli che le rendono particolari, diverse dalle solite ricette che troverete altrove. Le nocciole aggiunte ai biscotti per la base, innanzitutto, e la frutta lasciata riposare per formare uno sciroppo, senza usare la sciroppata industriale ma senza nemmeno mettere le fettine sopra in fretta e furia! Qui, sono andate a ruba.



Ingredienti per 4 persone:

- 100 gr di frollini
- 15 nocciole
- 50 gr di burro
- 100 gr di ricotta
- 100 gr di mascarpone
- 100 gr di panna montata
- 50 gr di zucchero a velo

Per guarnire:
- frutta a piacere (io pesche e melone)
- due cucchiaini di zucchero
- menta (se piace)


Procedimento:

Frullate i biscotti per la cheesecake con il robot da cucina, assieme alle nocciole, fino ad ottenere una polvere omogenea. Io ho usato i frollini allo yogurt che vedete in foto, ma ogni biscotto secco è adatto. Fate fondere a fuoco minimo il burro, unite nel pentolino la farina di biscotti e mescolate. Trasferite il composto in quattro stampini uguali, disposti su un piatto o della carta forno, e pressate bene. Io ho usato dei coppapasta tondi, diametro 7.50 cm, perfettamente antiaderenti.

Mettete in frigo le basi, quindi preparate la crema. Come potete vedere, questa cheesecake è appunto senza Philadelphia, ma con ottimi prodotti nostrani.
Montate la panna a neve ben ferma, ed incorporatevi lo zucchero a velo setacciato. Con le stesse fruste, a parte, fate diventare spumosi la ricotta ed il mascarpone, quindi incorporate le due parti della crema. Con quest'ordine sarà più facile non smontare la panna, anche se non avete molta manualità.


Togliete le basi dal frigo, e senza rimuovere gli anelli che fanno da stampo coprite ogni base con un quarto della crema. Anche qui, livellate pressando per evitare bolle d'aria. Con i coppapasta è facile, essendo provvisti di un elemento piatto concepito proprio per pressarne il contenuto alla perfezione.

Lasciate riposare in frigo per almeno un paio d'ore. Nell'intanto preparate anche la frutta. Tagliatela a dadini piccoli e regolari, spolveratela di zucchero e mescolatevi, se piace, della menta tritata al coltello. In frigo, nelle due ore di attesa previste, rilascierà un ottimo sciroppo.

Trascorso il tempo necessario rimuovete con delicatezza gli stampi, completate con la frutta e servite.


Consigli:

Se volete fare una cheesecake unica, la consistenza di questa ricetta vi si adatta benissimo. Provata e riprovata. Per le dosi, se avete una tortiera diametro 16 moltiplicate per 1.5 ogni peso, con una tortiera diametro 20 moltiplicate per 2 e infine con una tortiera diametro 22 moltiplicate per 2.5 ciascun ingrediente.

In caso di allergici, ovviamente togliete le nocciole. Se il problema sono i gusti, sappiate che si possono sostituire con noci, pistacchi o qualsiasi altra frutta secca.


Se avete paura che i vostri coppapasta non siano abbastanza antiaderenti, per quanto non credo avrete problemi, ho fatto una prova per voi: potete staccare la base con delicatezza prima di mettere la crema, lasciandola comunque dentro l'anello. Per la crema, dopo mezz'ora di frigo separatela dall'anello con uno stecchino bagnato (sempre senza rimuovere l'anello del tutto). Il risultato finale sarà comunque visivamente perfetto, scommetto che non riuscite a capire nelle foto quale è stata staccata così!
Se non avete i coppapasta, oltre a consigliarvi di comprarli, posso suggerirvi di presentare la cheesecake in bicchiere, magari "rovesciata" con la base sopra. Viva la fantasia!

39 commenti:

  1. Mi trovi perfettamente d'accordo, sia su Philadelphia, sia sulla colla di pesce che sul abbassamento del contenuto di burro nella base!
    Un abbraccio, Eleni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Molto bene! Colgo l'occasione per sottolineare che, salvo intolleranze particolari, consiglio burro e non margarina: esalta molto meglio i sapori. Buona domenica Eleni

      Elimina
  2. May I simply just say what a relief to discover someone that truly knows what
    they're talking about on the net. You actually understand how to bring an issue to light and make it
    important. More people really need to check this out and understand this side of your story.
    I can't believe you aren't more popular because you definitely have the gift.

    RispondiElimina
  3. Delle piccole delizie molto golose e rinfrescante !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non potresti descriverle meglio

      Elimina
  4. Cara Monica, questo si che è buonissimo...
    Ciao e buona giornata oggi non è così caldo, un abbraccio e un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Tommaso! Oggi si preannuncia essere una bella giornata di sole, ma abbastanza fresca... staremo a vedere! :)

      Elimina
  5. Qua la mano. Per me il
    Philadelphia andrebbe abolito nei dolci. Ci sta malissimo. Troppo grasso sapore troppo coprente. Non so chi abbia avuto l'idea di usarlo. Diverso è nelle preparazioni salate, ma anche lì poca roba.. il tuo dessert Cara mia è davvero gofurioso degno di plauso 👏

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Uh uh uh evviva, non sono la sola! Concordo in pieno, grasso e coprente. I gusti americani saranno diversi, contenti loro... Buona domenica!

      Elimina
  6. Buonissima, bella e fresca, l'ideale con questo caldo, ti abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie, col caldo bisogna inventarsi di tutto per stare freschi ;)

      Elimina
  7. troppo buono!!!!
    buona serata simona:)

    RispondiElimina
  8. A parte le nocciole delle quali sono allergica direi che sarebbe da provare!
    buona serata
    sabrina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che peccato l'allergia! Ma come scrivo si possono togliere tranquillamente, sarà comunque ottima!

      Elimina
  9. Devo provare subito la tua variante, sembra decisamente più golosa!
    Kisses, Paola.
    Expressyourself

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai che ti puoi fidare, se la faccio io è golosa per forza! ;)

      Elimina
  10. Neanche io utilizzo la colla di pesce per la cheesecake, diciamo poi che per farla a regola d'arte non sono adatte nè il philadelphia nè la ricotta...devo provare a mischiarla col mascarpone come hai fatto tu.

    My Tester Mania Blog

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La cheesecake classica va fatta con puro Philadelphia, in realtà, ma non mi piace per niente. E' la ricetta originale, ma il gusto mi sembra davvero troppo stucchevole. Preferisco la mia alternativa :)

      Elimina
  11. Ottimo suggerimento che seguirò di sicuro, un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille, è sempre un piacere essere fonte di buoni spunti!

      Elimina
  12. Questa tua ricetta la proverò sicuramente perchè non amo il philadelphia e neanche la colla di pesce. La tua ricetta è davvero super !!! Ciaooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sentirai che bontà allora! Buona domenica!

      Elimina
  13. Complimenti MOnica, sono bellissime in monoporzione!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Si possono anche portare in tavola "bianche" con frutta a parte, e lasciare che ognuno vi metta sopra quel che preferisce

      Elimina
  14. Troppo belle, sono una prelibatezza, complimenti!

    RispondiElimina
  15. Preziosissimi consigli che mi annoto subito :-) Brava e bellissime presentazioni! La monodose va alla grande anche a casa mia :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui abbiamo tutti gusti diversi, quindi il monodose mi salva sempre e comunque! Oltretutto mi piacciono da vedere, devo realizzare dolcetti così più spesso :)

      Elimina
  16. Oh finalmente una cheese cake senza philadelphia! Mi sa che la proverò, mi piace tanto :)
    Bravissima.
    Buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu contraria al Philadelphia nei dolci? Buona domenica Daniela!

      Elimina
  17. Deve essere buonissimo questo dolce!😋 Piacere di conoscerti, bello il tuo blog, anche a me piace cucinare, soprattutto i dolci!😍 Mi iscrivo come tua lettrice fissa su Blogger.
    gattaracinefila 😽

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Vanessa, e benvenuta! Passo subito a trovarti (gattara pure io)

      Elimina
  18. Un'idea fantastica e golosa per un dessert raffinato e perfetto per questo periodo di caldo estivo senza dover accendere il forno!!!!
    bravissima!!!!!

    RispondiElimina
  19. Il philadelphia non mi dispiace, mentre la colla di pesce effettivamente anche a me non piace molto, però aiuta molto dosandola con le giuste proporzioni!!!!
    Molto invitanti le tue monodosi (almeno saprei fermarmi!!!)
    Buona giornata

    RispondiElimina
  20. Con ricotta, mascarpone e panna è decisamente più golosa rispetto al philadelphia!!!! Buonissima!

    RispondiElimina
  21. Neanch'io non utilizzo la Philadelphia... ma che bellissime e deliziose queste tue torte!

    RispondiElimina
  22. assolutamente da provare!
    Buona giornata, Luisa

    RispondiElimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...