22/06/15

Involtini di foglie di vite o dolmeh

Mi piace sperimentare nuove cucine, nuovi sapori, nuove tradizioni. Spesso però mi scontro con ingredienti da noi difficili da trovare, procedure estremamente lunghe e complesse, o gusti che mi lasciano perplessa. Grazie al mio compagno, però, sono riuscita a trovare il piatto perfetto, che coniuga una ricetta facile e veloce con un gusto orientale delizioso.

I dolmeh, chiamati anche dolma, dolmas o dolmades, sono degli involtini di foglie di vite diffusi sotto varie forme dai Balcani all'Iran passando per la Turchia. Si trovano anche in diversi Paesi del Nordafrica: in Egitto ad esempio sono conosciuti con il nome di mahshi,  e la zona dell'Egitto. Le ricette variano molto, come potete immaginare, in base alla zona in cui vi trovate. Ci ho studiato sopra parecchio, devo ammetterlo, cercando di capire come questi involtini siano preparati nei vari Paesi in base anche alla cucina tipica del luogo. Alla fine ho preferito, tra tutte, la versione persiana: un numero limitato di spezie, gusti non troppo strani, nessun procedimento complicato.

Senza dilungarmi troppo, lascio parlare la ricetta di questi dolmeh per me. Provate a rifarla, e vi assicuro che capirete.


Ingredienti per 30 involtini:

- 150 gr di riso basmati
- 200 gr di macinato di manzo 
- 2 cipolle rosse di Tropea
- 30 foglie di vite
- un limone
- un cucchiaio di olio d'oliva
- 5 foglie di basilico
- 15 foglie di menta
- mezzo cucchiaino di coriandolo Cannamela 
- sale


Procedimento:

Il riso ho preferito cuocerlo al microonde, piuttosto che bollirlo. Bastano 10 minuti alla massima potenza, mettendo il riso e 600 mL di acqua in una terrina adatta. In alternativa, se volete, lessatelo molto al dente in modo tradizionale.

Anche le foglie di vite vanno sbollentate. Di nuovo io ho usato il microonde, immergendole tutte assieme in una terrina con acqua salata. Potete replicare la cosa ai fornelli, chiaramente: in entrambi i casi però togliete le foglie di vite dall'acqua bollente solo quando avranno cambiato del tutto colore. Dovranno perdere il verde acceso che le contraddistingue, assumendo la tonalità che vedete in foto.

Mentre le foglie di vite si raffreddano, prepariamo il ripieno. Fate soffriggere le cipolle con l'olio, e quando si saranno ammorbidite aggiungete la carne. Fate cuocere una decina di minuti a fiamma molto viva, quindi aggiungete il riso e spegnete il fuoco. Tritate finemente al coltello il basilico e la menta, aggiungeteli alla carne assieme al coriandolo e salate abbondantemente.
I dolmeh, ancora crudi
Stendete sul piano di lavoro una foglia di vite, con le venature in rilievo (quindi con la parte che normalmente nella pianta è rivolta in basso) verso l'alto ed il picciolo verso di voi. Eviterete in questo modo che la foglia si rompa, piegandola. Disponete al centro della foglia un cucchiaio abbondante di ripieno, quindi chiudetela in quest'ordine: prima piegate verso l'alto le due parti laterali, quindi arrotolate la foglia dal picciolo verso la punta chiudendola completamente. Disponete poi l'involtino in una pentola antiaderente, con la chiusura verso il basso.

Proseguite così per tutte le foglie, vedrete che sarà molto più semplice a farsi che a dirsi! Una volta sistemati tutti gli involtini, assicuratevi che siano ben stretti tra loro. Dovete scegliere una padella abbastanza grande da permettere loro di stare tutti allo stesso livello, ma sufficientemente piccola da non lasciare spazio tra uno e l'altro.

Diluite il succo di un limone con un paio di dita d'acqua, e bagnatevi gli involtini. Mettete poi il tutto sul fuoco a fiamma media. Non appena il succo di limone raggiungerà il bollore, abbassate la fiamma al minimo e coprite con un coperchio. 

Proseguite la cottura per circa 40 minuti, sempre al minimo, aggiungendo l'acqua poco alla volta se dovesse servire. Non muovete mai gli involtini, nè girateli. A fine cottura, lasciate raffreddare i dolmeh direttamente nella padella.

Io ho preferito conservare gli involtini in frigo senza aggiungere nulla, intiepidendoli poi appena prima di servirli. In alternativa possono essere immersi nell'olio, magari con qualche altra foglia di menta o qualche pezzetto di aglio fresco. Tuttavia i dolmeh diventano molto più pesanti da mangiare così, per quanto le foglie restino più morbide ed umide. 


Consigli:

La cosa più complicata qui è trovare le foglie di vite. Dovete assolutamente evitare di prenderle da un vigneto, perchè quasi sicuramente sarebbero coperte di pesticidi. Vi consiglio di cercare una casa che usi la vite come rampicante decorativo per nascondere una recinzione, o di piantare direttamente una vite in giardino: sono piante bellissime, se lasciate crescere liberamente. Per le foglie, prendete quelle più grandi e del verde più chiaro (perchè più giovani e tenere).

Con ricette come questa, il miglior consiglio che posso darvi è di provare la mia versione e poi di sperimentare. Esistono così tante varianti, nei Paesi dove questo piatto è conosciuto, che non potrete sbagliare aggiungendo il vostro tocco personale.

Io ho servito con qualcosa di leggero: un'insalata con qualche pomodorino fresco, un paio di cucchiaini di yogurt intero non zuccherato, e dei crostini di pane integrale fatto in casa. I dolmeh sono talmente buoni che meritano di essere i protagonisti assoluti del piatto!

33 commenti:

  1. Anche a me piace sperimentare e mio marito adora il riso
    ... ci voglio provare, grazie!
    xo Paola
    Expressyourself
    My Facebook

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se gli piace il riso, vedrai che adorerà questi involtini!

      Elimina
  2. ma complimenti che ricetta originale...
    buonissima!
    baci e buona giornata simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara, sono deliziosi soprattutto da tiepidi e quindi perfetti per l'estate!

      Elimina
  3. MMM molto invitante, mi sa che la proverò:)

    RispondiElimina
  4. Carinissimi questi involtini in foglie di vite ....
    Belli e probabilmente buoni - Ne ho mangiati di simili in Grecia ed erano davvero ottimi. Un saluto ed a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so con cosa fossero quelli che hai mangiato in Grecia, ma ti assicuro che questi rendono molto ;)

      Elimina
  5. Un pò difficile trovare qualcuno in città che coltivi delle viti....per avere le foglie perchè dubito che qualcuno dell'altopiano che ha viti non usi pesticidi sopra tutto con piccole coltivazioni che se va male non rimane niente. Si possono trovare nella grande distribuzioni fogli di vite confezionate. Sai, se ho voglia di dolmeh trovo pronti in barattoli o anche in vetro risparmio lavoro e rischi. Buona giornata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lungo il mare della tua zona ci sono molte case che hanno delle viti, evidentemente tenute non per l'uva e quindi senza pesticidi. Io le mie le ho trovate a Jesolo, chiedendo ad un'anziana signora se potevamo rubarle qualche foglia! Avrei una pianta in giardino, ma ha preso una brutta malattia e quindi non posso usarla...
      Considerando anche che si mantengono bene in freezer, ammetto che piuttosto che mangiarli industriali (provati - deludentissimi) non li mangio affatto ;)

      Elimina
  6. Monica la tua ricetta mi ha incuriosita molto!!Anche in Grecia usano le foglie di vite per la preparazione di alcune ricette.Non ci ho mai provato proprio perchè non è facile trovare delle foglie non trattate.Ma se ne avrò l'occasione ci proverò!!!
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appena me ne hanno parlato, anche a me ha incuriosito molto... le foglie di vite sono la parte più difficile, il resto vien da se ;)

      Elimina
  7. magnifica ricetta!!! da tempo pensavo di utilizzare le foglie di vite della mia campagna e adesso c'è anche questa magnifica ricetta!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh se ci fai qualcos'altro passerò sicuramente a vederlo, ormai mi sono innamorata delle foglie di vite... ;)

      L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

      Elimina
  8. buon piatto, mio figlio ama sperimentare spesso piatti particolari che io altrimenti non farei!! grazie per la riceta, a presto Gabry

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Attendo di sapere da tuo figlio che ne pensa, allora: come sperimentazione dovrebbe essere abbastanza strano il piatto ;)

      Elimina
  9. Molto interessante la tua ricerca! Mi piace sempre sapere da dove vengono i cibi e la tradizione dei vari paesi...
    Grazie!
    sabrina

    RispondiElimina
  10. mmmmm...devono essere squisiti :)
    Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo sono lo sono, buona giornata!

      Elimina
  11. La ricetta da rifare assolutamente...ma lo sai che non mai provato a cuocere il riso nel microonde?Devo provare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Con la giusta dose di acqua (quella della ricetta) è perfetto, esattamente come bollito! E non attacca!

      L’angolo della casalinga, ricette veloci e facili

      Elimina
  12. Non li ho mai fatti e non sapevo neanche che si potessero usare le foglie di viti.
    Una bella idea e degli involtini speciali.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In effetti da noi si usano pochissimo, ma io me ne sono innamorata!

      Elimina
  13. Che deliziosa ricetta, molto particolare, non l'ho mai provata, credo proprio di rifarla! Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, è ottima per provare qualcosa di decisamente nuovo!

      Elimina
  14. Grazie per questo post con molte interessanti notizie!
    a presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un piacere cara, buona serata! :)

      Elimina
  15. Che gusto hanno... mi incuriosisci sempre. E rimango meravigliata dalla tua passione per la cucina e la bravura...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Passione tanta, quanto alla bravura sono in costante miglioramento! Grazie per i complimenti cara!

      Elimina
  16. Ottima ricetta cara Monica, originale e gustosa!

    RispondiElimina
  17. Ricordo una vacanza in Grecia in cui questi involtini l'hanno fatta da padroni! Un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. D'estate sono una meraviglia... buona serata!

      Elimina

Lasciatemi una traccia del vostro passaggio sotto la ricetta!
Spam, truffe o insulti saranno eliminati, per la tranquillità di tutti. Grazie.

Condividi su:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...